calcolo mutuo casa

Come calcolare il mutuo della casa

Il Mutuo è una tipologia di finanziamento molto diffusa quando si effettua l’acquisto di una casa. Di fatto è un prestito che ci viene concesso per un determinato importo e che poi utilizzeremo per acquistare l’immobile. Questo prestito ha carattere oneroso e pertanto ha un costo specifico pari agli interessi che pagheremo alla banca sull’importo accordatoci. Importantissimo è quindi fare un’attenta selezione delle offerte presenti sul mercato, per individuare il prestito più conveniente o adatto alle nostre esigenze. Elementi di cui dobbiamo tenere conto nello stipulare il mutuo sono in primo luogo il tasso d’interesse, in secondo la durata del mutuo.

Un mutuo più lungo è solitamente meno costoso a livello di rata ma più costoso a livello di esborso complessivo, vero è anche che, con l’inflazione, la rata tenderà a costare meno nel corso del tempo.
Il tasso d’interesse può essere fisso o variabile, nel secondo caso si ancora il tasso ad un indice presente sul mercato ( solitamente si tratta dell’Euribor) a cui si applica una maggiorazione specifica (Spread) fissata nel contratto.
Quando stipuliamo un mutuo per l’acquisto di un immobile possiamo farlo per un importo pari al prezzo di acquisto o ad una parte di questo seconda delle situazioni. Solitamente il finanziatore richiede una garanzia a fronte del prestito (questa può essere ipotecaria o una busta paga ecc.).

come calcolare il mutuo

Vediamo ora come è composto il piano di ammortamento di un mutuo: in generale la rata è composta da due quote: Quota capitale e Quota Interessi. La seconda è data dal debito residuo da rimborsare per il tasso d’interesse (sia questo fisso o variabile) del mutuo. Il debito residuo è dato dal debito residuo dell’anno precedente al netto della quota capitale dell’anno precedente. La quota capitale si calcola dalla rata sottraendo a questa l’importo della Quota interessi. Ogni banca fornisce sul proprio sito internet un apposito strumento per il calcolo del piano di ammortamento, ovvero delle rate e degli importi delle quote Capitale ed Interessi nel corso degli anni. Notate che con il trascorrere del tempo l’ammontare della quota Interessi decresce e quello della Quota Capitale si incrementa. Questo significa che nei primi anni tenderemo a pagare gi interessi del prestito, negli ultimi la cifra prestataci.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *